Un concorso internazionale ha individuato il progetto architettonico destinato alla valorizzazione di Prato Galli, situato a ridosso del centro storico di Nonantola, lungo via Mavora, davanti a Villa Emma.

Il nostro lavoro di ricerca segna un punto di svolta e trova pietre sul suo cammino, pietre per costruire.

I materiali contenuti in questo sito costituiscono un giacimento di suggestioni, informazioni, documenti, proposte per la scuola: ci accompagneranno in vista della realizzazione del sito museale e del centro d’interpretazione.

Il progetto

Prato Galli, su cui sorgerà il luogo per la memoria dei ragazzi ebrei salvati a Nonantola, si trova davanti a Villa Emma, in uno spazio che divide la residenza dal cuore del paese.

Prato Galli guarda dunque Villa Emma, come nel corso del 1942-43 aveva osservato la vita quotidiana del gruppo che aveva trovato rifugio nelle sue stanze.

Erano bambini, ragazzi e giovani in fuga; avevano attraversato Germania, Austria, Croazia e Slovenia; altri, in un secondo momento, sarebbero arrivati dalla Bosnia-Erzegovina.

Prato Galli come passaggio, ponte, dialogo fra la comunità stanziale e quella venuta da lontano: è qui, in questa densità simbolica del paesaggio nonantolano, che vogliamo raccontare quell’incontro, dare un luogo a quella storia.

Un luogo a questa storia

Pupa Garribba
Pupa Garribba
Vera Jarach
Vera Jarach
Bruno Segre
Bruno Segre

Pupa Garribba, Bruno Segre,Vera Vigevani Jarach: tre bambini in fuga. Testimoni di un’infanzia negata e di una salvezza dicono, davanti a Villa Emma, che bisogna costruire un luogo per la memoria dei ragazzi ebrei arrivati a Nonantola fra il 1942 e il 1943. E lo dicono guardando al futuro.

Guarda il filmato Tre bambini in fuga

Sostieni il progetto ‘Davanti a Villa Emma’

Contribuisci attivamente alla realizzazione del luogo di memoria e alle sue iniziative effettuando una donazione o destinando il tuo 5×1000.

Leggi come nella pagina Donazioni.